16/01/2017
Trading online: dollaro debole dopo il possibile sorpasso Trump nella corsa alla presidenza
Gli esiti della corsa alla presidenza degli USA sta indebolendo il dollaro. La possibilità che Trump possa vincere (un sondaggio in special modo lo dà addirittura in vantaggio) sta facendo sentire i propri effetti sui mercati, spingendo giù il biglietto verde. [...]

Diventa anche tu un fan di BlogNews!
Clicca qui per accedere alla pagina su Facebook e poi premi il bottone "Mi piace".

Feed RSS dei commenti degli iscritti a BlogNews
Puoi seguire i commenti di questo post anche attraverso feed RSS.

Scritto da HelyRicci il 15/11/2016
Quello che pensavamo alla fine non è successo. Trump anziché indebolire la marcia del dollaro ha finito per renderla più forte, o almeno non l'ha per niente rallentata. L'ultimo esempio arriva proprio oggi dal cross Usd-Chf, che dopo circa 10 mesi è tornato a viaggiare oltre la parità secondo il broker [LCG (opinioni] qui). C'era andato molto vicino alcune settimane fa, a fine ottobre, ma poi il cross valutario aveva ritracciato finendo per scivolare di nuovo ben al di sotto della quota parità.

Da sette giorni invece il quadro è tornato a vedere un dollaro molto forte che ha recuperato terreno nei confronti di tutte le altre major. Va sottolineato ad esempio come sia cresciuta la sua forza nei confronti del peso messicano, come ha evidenziato la nostra piattaforma [IQoption (opinioni] qui), la prima banconota a risentire dell'avanzata di Trump.

Un'altra spinta al biglietto verde è giunta dagli ultimi dati macroeconomici che ha dato in rialzo i consumi. E' chiaro però che adesso tutti quanti aspettano di sapere che tipo di iniziative economiche concrete intraprenderà Trump, specie sul fronte energetico.
Il dollaro potrebbe ulteriormente rafforzarsi. C'è poi da vedere anche cosa deciderà di fare la FED a dicembre riguardo i tassi di interesse, che secondo i più dovrebbero essere aumentati.
Commento #1 | Permalink

Top 24 ore