BlogNews

27/02/2021


Tutti i commenti

Per far cambiare l'umore ai mercati finanziari ci vuole davvero poco tempo. Bastano pochi giorni per rovesciare i copioni.
Per molti mesi, malgrado qualche avvertimento ci fosse già stato, nessuno aveva pensato al pericolo derivante da una improvvisa accelerazione dell'inflazione. Adesso però lo scenario è cambiato, e molti [market maker] lo dicono apertamente.

Il fatto è che con le campagne vaccinali in sviluppo, si avvicina anche la ripresa economica. E quindi la pressione sui prezzi.

Occhio: se volete fare investimenti sulle valute, imparate prima [broker forex come scegliere].

Nelle ultime settimane, il cambio di retorica è stato repentino, sostenuto anche dal forte rialzo della curva dei Treasury statunitensi. E così malgrado le parole rassicuranti della FED, il mercato azionario è frenato di colpo. Soprattutto i titoli tecnologici sono stati messi in discussione, a causa degli eccessivi rialzi di prezzo. Adesso però si paga pegno a questa sbornia degli ultimi mesi.
Il rapporto mensile dell'ACEA, ossia l'Associazione che riunisce i produttori automobilistici di tutta Europa, hanno evidenziato un calo delle immatricolazioni del 24% su base annua (gennaio su gennaio). Si tratta di numeri che evidenziano una situazione molto difficile per l'intero settore.

Gli unici dati incoraggianti giungono per quei produttori che viaggiano forte sul mercato cinese, che ha dato forti segnali di ripresa. Ma questo non può bastare a Daimler (che segna un -20,3%) oppure a BMW (-17,5%) che sono molto attive a Pechino.
Non comincia bene la sua storia neppure la nuova realtà Stellantis, che a gennaio 2021 registra un calo delle vendite del 27,4%.

Ecco spiegato perché la debolezza di molti titoli sul mercato. Se prendiamo un sito di [notizie sul DAX MDAX], vediamo che Volkswagen e BMW perdono terreno, mentre solo Daimler riesce a restare in positivo.

Chi effettua investimenti sui [broker opzioni binarie non Esma (extra UE)], oggi ha deciso di stare alla larga da questi titoli proprio per via dei dati negativi che sono stati resi noti da ACEA.
Il mercato delle criptovalute è molto volatile perciò le speculazioni sono davvero a rischio. Magari il Dogecoin continuerà ad aumentare di valore ma l'interesse potrebbe scemare facendolo calare notevolmente.
Da tempo ormai si parla della possibilità che la Bank of England adotti i tassi negativi, in modo da dare un forte sostegno all'economia colpita dalla crisi Covid. Ma non dovrebbe essere concreta questa possibilità, almeno per adesso. Bisognerà vedere però le proiezioni economiche, compresi i dati sulla crescita e l'inflazione, che saranno la bussola per orientare eventuali mosse future da parte della BoE.

Il tutto alla luce dell'accordo sulla Brexit, ma dell'impatto del terzo lockdown che è stato prolungato fino a marzo. Nel frattempo la sterlina britannica rimane forte, passando di mano a verso 1,37 dollari, ossia non molto lontano dal massimo triennale di $ 1,3759 che è stato raggiunto soltanto qualche giorno fa. Occhio inoltre all'[incrocio medie mobili].

A spingere la valuta britannica è la notizia che la campagna di vaccinazione sta facendo dei progressi. Adesso quasi 9 milioni di persone nel Regno Unito hanno ricevuto la loro prima dose. Inoltre, l'ottimismo sull'iniezione di stimoli aggiuntivi negli Stati Uniti ha aumentato l'appetito per le attività di rischio.

Chi non è interessato al trading sulla sterlina, può considerare gli [Etf paesi emergenti cfd], che in questo periodo stanno catturando l'attenzione di molto operatori di mercato. Offrono infatti prospettive interessanti.
Quanti interessi ci devono essere dietro perché lo vogliano fare a tutti i costi?
Insomma, il "bomba" fa scoppiare solo se stesso...
La situazione pandemica continua ad essere molto pesante per le Borse europee, che vanno in retromarcia nell'ultima seduta della settimana. Piazza Affari è maglia nera in Europa, visto che il FtseMib ha terminato le contrattazioni in calo dell'1,52%, a quota 22.088,36 punti.

La situazione di instabilità politica che si è respirata in Italia negli ultimi giorni, non poteva non avere ripercussionin in Borsa. Sotto questo punto di vista pesa il giudizio di Moody's. La banca d'affari infatti ha parlarto di "maggioranza di governo fragile, che rende più difficile la gestione del post pandemia". La situazione insomma è pesante.

Diversi titoli sono andati in calo a milano. Soprattutto banche, viaggi e assicurazioni, ma anche il petrolifero. Basta aprire uno dei [broker autorizzati Consob] per accedere all'elenco completo delle quotazioni a Piazza Affari.
La peggiore è stata Leonardo (-3,68%).

Non è andata però meglio nel resto del Vecchio Continente, dove c'è una sfilza di segni rossi. La peggiore è Parigi con -0,56%, poi Dax30 -0,24% e Londra -0,40%.
Non solo chi fa trading sulle azioni deve fare attenzione alla situazione politica italiana, ma pure chi sa sulle [opzioni vanilla come fare trading]. Occorre quindi rimanere molto concentrati se si decide di agire sul mercato, a prescindere dallo strumento prescelto.
Meglio che esca dalla politica.....https://ciaovecio64.altervista.org/italia-viva-dammi-tre-parole/
Alcuni suoi momenti in Babylon 5 sono straordinari!

Top 24 ore

Trend del giorno in Italia sul Web