BlogNews

05/08/2021



Diventa anche tu un fan di BlogNews!
Clicca qui per accedere alla pagina su Facebook e poi premi il bottone "Mi piace".

Feed RSS dei commenti degli iscritti a BlogNews
Puoi seguire i commenti di questo post anche attraverso feed RSS.

Scritto da Maximo 31 giorni fa

Quello che ha vissuto il mercato del petrolio nell'ultimo anno e mezzo è davvero impossibile da riassumere in poche righe. La crisi pandemica ha fatto letteralmente precipitare le quotazioni, tanto che ad aprile dello scorso anno il WTI è finito addirittura in territorio negativo.
L'OPEC+ ha dovuto fare i salti mortali, raggiungendo una intesa rigidissima per ridurre l'output prodotto e consentire ai prezzi una lenta risalita. Chi fa [scalping heikin ashi intraday] ne ha passate tante.

Strada facendo, con il ritorno alla "quasi normalità", la domanda di petrolio si è irrobustita e il prezzo è risalito. Ma l'OPEC* ha dovuto comunque fare in modo che i Paesi accettassero dei sacrifici, onde evitare che il prezzo dell'oro nero ruzzolasse nuovamente verso il basso.

Parallelamente alla ripresa però, alcuni paesi hanno cominciato a dare pressioni affinché l'ammontare dei tagli fosse progressivamente ridotto, e questo per l'OPEC+ è stato un fattore di ulteriore difficoltà. Di recente c'è stato un altro meeting dei produttori di petrolio, che sembrava avessero trovato una intesa per un graduale innalzamento della produzione.
Ma la festa è durata poco, e si è creato un momento di stallo che mette in bilico di nuovo il futuro.

Nota: se vi interessano le valute e non le commodities, allora potreste trovare interessanti le [previsioni franco svizzero cambio dollaro].

Commento #1 | Permalink


Top 24 ore