BlogNews

25/05/2022


Mercato azionario negativo. Listini nervosi dopo un flash crash

Seduta negativa per i listini europei, che vivono anche momenti di brivido quando si è verificato un improvviso "flash crash" a metà mattinata. Un crollo temporaneo partito dai mercati del Nord Europa, e in particolare da quello svedese. Nel giro di pochi secondi gli indici del Vecchio Continente sono crollati, probabilmente per un ordine molto grosso oppure errato. Negativi anche gli altri [...]


Diventa anche tu un fan di BlogNews!
Clicca qui per accedere alla pagina su Facebook e poi premi il bottone "Mi piace".

Feed RSS dei commenti degli iscritti a BlogNews
Puoi seguire i commenti di questo post anche attraverso feed RSS.

Scritto da Maximo 22 giorni fa

Sulle Borse del vecchio continente oggi è stata una giornata cauta, perché nei prossimi giorni ci saranno i meeting della FED e della Bank of England, entrambe indirizzate verso un rialzo dei tassi di interesse. Pesano anche i timori sulla crescita della Cina dopo il calo dell'indice pmi sabato, oltre a quelli per la guerra in Ucraina e i suoi impatti sul mercato energetico.

Se Milano a fine seduta segna-1,63%, Francoforte ha terminato le contrattazioni in calo dell'1,13% a 13.939 punti, Parigi dell'1,66% a 6,425 punti e Madrid dell'1,73% a 8.436 punti, come si vede sulle [società di trading autorizzate Consob].

A Piazza Affari l'unica che piazza un deciso aumento + Mediobanca (+2,2%) che ha praticamente ballato da sola nel settore finanziario (Unicredit -2,75%). Pochi altri titoli riescono a evitare il calo (Italgas, Atlantia e Nexi). I più forti ribassi però sono su Tenaris, che ha archiviato la seduta a -3,85% in scia alla debolezza del greggio.

L'Euro / Dollaro si è mosso anche oggi sotto la parità, avvicinandosi alla soglia di 1,05. Vendite diffuse sull'oro, messi sotto pressione dagli elevati rendimenti dei titoli di Stato Usa. Interessa molto chi adotta una [strategia spread trading forex].

Sul fronte energetico il gas naturale è in leggero calo dell'1,5% a 97,9 euro al megawattora sul Ttf mentre i dubbi sulla domanda globale riportano indietro le quotazioni del petrolio.

Commento #1 | Permalink


Top 24 ore