BlogNews

15/10/2018


Petrolio, cresce la produzione russa. Compensato il calo dell'Iran

Uno dei maggiori dubbi riguardo al mercato petrolifero riguarda l'impatto delle sanzioni all'Iran sul totale della produzione di petrolio. Secondo quanto ha rilevato un rapporto dell'OPEC, l'output di greggio è aumentato di 132.000 barili al giorno attestandosi a quota 32,76 milioni di barili/giorno. Questo grazie all'incremento produttivo della Russia (+150.000 barili al giorno). [...]


Diventa anche tu un fan di BlogNews!
Clicca qui per accedere alla pagina su Facebook e poi premi il bottone "Mi piace".

Feed RSS dei commenti degli iscritti a BlogNews
Puoi seguire i commenti di questo post anche attraverso feed RSS.

Scritto da Maximo 3 giorni fa

Il mercato del petrolio negli ultimi tempi ha vissuto una nuova grande fiammata, che secondo alcuni analisti potrebbe spingere le quotazioni fino a 100 dollari al barile. Se prendiamo le dinamiche dei prezzi, vediamo alcuni [pattern harami forex bullish bearish] che sembrano sostenere questa possibilità, che tuttavia non fa piacere neppure alle aziende del settore.

Il prezzo del petrolio troppo elevato infatti ha come conseguenza il calo della domanda. Specie da parte dei mercati emergenti. una parte di essa potrebbe dirottarsi verso altre forme energetiche. Per questo motivo non è interesse di nessuno arrivare a un prezzo troppo elevato.

Nel frattempo questa situazione sta avendo ripercussioni anche sui mercati valutari. Basta prendere una [piattaforma forex migliore italiana sicura] per vedere come l'andamento delle valute legate alle materie prime sta risentendo dell'evoluzione del mercato petrolifero.

Nel frattempo oggi la crescita delle scorte USA oltre le previsioni ha in parte spinto al ribasso le quotazioni di WTI e Brent.

Commento #1 | Permalink


Top 24 ore